Francesca Di Terlizzi: l’importanza di assistere agli interventi di chirurgia estetica

La docente di Laboratorio estetico spiega come estetica e medicina estetica siano sempre più vicine

0
614

Le allieve di quarta estetica del CFP Zanardelli di Desenzano saranno ospiti anche quest’anno della clinica di chirurgia estetica Pallaoro di Padova.

Un momento intenso ed entusiasmante per molte di loro, un’esperienza a lungo attesa per assistere, dal vivo, ad alcuni dei più comuni interventi di medicina e chirurgia estetica. Completamente attrezzate con camici, cuffiette e mascherine, le ragazze entreranno negli ambulatori, potranno vedere i professionisti della bellezza in azione e porre loro domande. Accolte dal responsabile della clinica, Carlo Alberto Pallaoro, medico con oltre 30 anni di esperienza in Italia e all’estero, verranno accompagnate dalla professoressa di Laboratorio estetico, Francesca Di Terlizzi, che ritiene molto utile questo genere di esperienza. A lei abbiamo posto alcune domande.

Professoressa, quanto può essere importante per delle future estetiste assistere dal vivo ad alcuni interventi?

“Ritengo sia un’opportunità unica per comprendere, dal vivo, quanto oramai il mondo dell’estetica sia strettamente coniugato alla medicina estetica. L’estetista, nel pre-operatorio e nel post-operatorio, è una figurara sempre più importante per il medico estetico, che a lei si affida per preparare prima e trattare poi la zona oggetto di intervento. Sia che si tratti di liposcultura sia di rinoplastica, c’è una particolare tecnica di massaggio linfodrenante nato dall’intuizione del medico danese Emil Vodder che, praticato prima e dopo l’intervento, rilassa, aumenta la produzione di globuli bianchi, migliora il flusso linfatico, aiuta nella cicatrizzazione e favorisce il trofismo cutaneo”.

Solitamente come reagiscono le ragazze?

“Le allieve si sono dimostrate entusiaste per l’esperienza più unica che rara di assistere all’opera un grande professionista come il dottor Pallaoro. Una persona estremamente disponibile e, soprattutto, sensibile al tema delle nuove frontiere dell’estetica, che esalta la figura dell’estetista”.

Appunto: qual è il nesso, oggi, tra estetica e chirurgia?

“Il binomio estetista-medico estetico è sempre più stretto. Se si comprende dove il mondo della medicina estetica sta andando in questo millennio, con interventi sempre più richiesti e sempre meno invasivi, appare chiaro come per un’operatrice del benessere ambiziosa si apra un ambito ricco di soddisfazioni e opportunità”.

Com’è cambiato il mondo dell’estetica in questi anni?

“All’estetica tradizionale, quella di manicure e cerette per intenderci, si sta sempre più affiancando un’estetica all’avanguardia, che richiede una preparazione continua. Stare al passo con i tempi che cambiano e le richieste di mercato è imprescindibile per le estetiste di domani”.

IV estetica, CFP Zanardelli Desenzano