Interviste incrociate: ecco perché siamo orgogliosi dei nostri ragazzi

Fitness, studio, giardinaggio, famiglia e nuove consapevolezze: così la maturità dei nostri studenti ci riempie d'orgoglio in quarantena

0
151

In una situazione anomala come quella che stiamo vivendo, di confinamento in casa, dove sembrano non esserci più certezze di nessun tipo, c’è un dato che di certo sorprendentemente stupisce. E’ il comportamento dei ragazzi che stanno dimostrando, molto meglio talvolta degli adulti, di sapere reagire pazientemente alla “reclusione”, ma non solo: scoprono talenti, hanno parole compassionevoli per chi è in difficoltà e lodevoli per i “prof.” e, in generale, stanno facendo tesoro di questa esperienza. E chi pensava di vederli attaccati a cellulari e televisioni tutto il giorno… be’, dovrà ricredersi. Altro che individui immaturi, insolenti e irresponsabili. Si sono intervistati a vicenda e abbiamo riportato alcune delle loro riflessioni, per nulla banali e scontate.

 

COME TRASCORRO IL TEMPO

  •  “Trascorro le giornate prendendomi cura di me stessa, facendo maschere e trattamenti ai capelli e realizzando trucchi diversi ogni volta per farmi foto da pubblicare sui social”. Giulia
  • “Ho scoperto di essere bravissima a cucinare dolci, soprattutto i muffin”. Allegra
  • “I libri mi tengono compagnia ogni giorno, meno male che li hanno inventati!” Aurora
  • “Faccio giardinaggio: è una passione nata da poco, cominciata tagliando un prato. Penso che mi rimarrà anche finita la pandemia”. Luca
  • “Faccio molto fitness: voglio arrivare in forma alla Fase 2…” Paolo
  • “Io e un mio compagno ci siamo dati alle lingue: io, albanese, gli insegno l’abanese e lui, rumeno, mi insegna il rumeno…ovviamente in videochiamata!” Kejdi
  • “Sono finalmente riuscito a trovare il tempo di riprendere in mano il mio strumento preferito: la batteria”. Luca

 

I PROFESSORI

  • “I professori ritengo siano molto disponibili e impegnati per fornirci il miglior supporto possibile con le video lezioni”. Giulia
  • “I nostri docenti ci sono stati vicini fin dall’inizio e penso abbiano fatto del loro meglio per imparare velocemente nuovi modi per fare lezione a distanza: li ammiro molto per questo!” Aurora
  • “Io e la mia famiglia siamo loro grati per tutto ciò che stanno facendo: non ci hanno mai lasciati soli, sono dei grandi!”. Francesco
  • “Non avrei mai creduto: mi mancano tutti i miei docenti, anche quelli meno “simpatici”. Ecco, ho imparato questo dall’emergenza”. Matteo
  • “I nostri professori si sono dimostrati ancora una volta all’altezza: hanno saputo reinventarsi e rimettersi in gioco…io darei loro un premio!”. Viktorya

 

COSA HO IMPARATO 

  • “Ho imparato ad apprezzare le piccole cose, ad esempio che anche andare a fare una passeggiata può donare felicità. In poche parole, quanto è preziosa la libertà”. Giada
  • “Ho appreso la pazienza, a mettermi l’anima in pace ed accettare gli obblighi delle restrizioni, nonostante non sia nella mia natura”. Aysha
  • “Non bisogna mai dare nulla per scontato e non bisogna rimandare le cose a “domani” quando si possono fare subito perché appunto in un domani non potresti più avere l’occasione di farle”. Greta
  • “Bisogna apprezzare di più la famiglia, con cui si deve trascorrere tutte le giornate insieme”. Erika
  • “Ho “scoperto” di avere una sorella: ebbene sì. Ho trascorso i primi 15 anni della mia vita a non sopportarla, e ora invece ho capito che su di lei posso contare”. Alice
  • “So stare bene anche da sola, a casa: c’è sempre qualcosa da fare!” Sara
  • “Da tutto questo sto imparando che abbiamo una grossa responsabilità reciproca”. Robert
  • “La vita può cambiare da un momento all’altro, perciò bisogna cogliere l’attimo, sempre”. Eman

 

I RAPPORTI CON AMICI & CO.

  • “Parlando in videochiamate tutti i giorni spesso ci raccontiamo cose importanti e personali che magari prima, uscendo spesso, preferivamo tenere per noi stesse”. Alessio
  • “Questa quarantena mi ha fatto capire chi c’è davvero e su chi puoi contare. I veri rapporti, d’amore e d’amicizia, resisteranno alla distanza, ne sono certa”. Elisa
  • “Sono riuscita a farmi nuovi amici grazie ai social, chissà se saranno relazioni destinate a durare. Intanto mi aiutano a passare le giornate”. Mattia
  • “Non potere vedere il proprio fidanzato è terribile: ora capisco gli amori contrastati della storia e della letteratura! Per fortuna ai nostri tempi abbiamo le videochiamate, che non possono tuttavia sostituire un abbraccio”. Elena
  • “Invece di vederci al solito parco, facciamo delle interminabili videochiamate di gruppo. Non è proprio lo stesso, ma almeno ci facciamo due risate!” Alice

La redazione di Desenzano