Quarto anno …e poi?

Tra dubbi ed entusiasmo gli studenti edolesi si raccontano

0
205

Formazione, innovazione e pratica tra le maggiori aspettative.

 

A distanza di un mese dall’inizio della scuola entriamo in una classe quarta del Centro di Formazione Professionale di Edolo per raccogliere le impressioni degli studenti. Dopo il triennio di qualifica, infatti, la scuola offre la possibilità di frequentare un quarto anno di Tecnico. I protagonisti di questo percorso sono gli alunni dell’indirizzo Tecnico Riparatore di Veicoli a Motore e le ragazze del corso di Acconciatura, uniti in un’unica classe a causa dell’esiguo numero di iscritti.

Dopo una mattinata passata in aula, emergono le aspettative e le motivazioni della loro scelta: per le parrucchiere, al primo posto c’è l’obiettivo di abilitarsi all’esercizio della professione in proprio, secondariamente, quello proseguire gli studi in Accademie e Corsi di Alta Formazione; tra i meccanici l’aspettativa maggiore è invece quella di specializzarsi dal punto di vista tecnico-pratico, soprattutto nell’ambito dell’Autronica. In questi settori professionali l’innovazione è infatti all’ordine del giorno e per essere concorrenziali sul mercato è richiesto un aggiornamento costante.

A questo proposito gli studenti hanno grandi aspettative rispetto all’opportunità di stage: 400 ore da svolgere in azienda sotto la supervisione di un responsabile, ore di esperienza pratica che offrono la possibilità di confrontarsi con varie mansioni e attività lavorative, dalla relazione col cliente al rispetto delle consegne, dalla puntualità all’etica professionale. Quattro di loro svolgono poi il percorso assunti in azienda come apprendisti.

Non sfugge agli studenti il fatto di essersi ritrovati a classi dimezzate e di aver perso buona parte dei compagni di studio che hanno deciso di fermarsi al terzo anno di corso.

Consapevoli che gli insegnanti si aspettano grande impegno e partecipazione da parte di chi ha scelto di proseguire, i ragazzi si apprestano con entusiasmo, curiosità e motivazione alle sfide che il quarto anno porrà loro davanti.