A Vestone e Vobarno, ospiti della Valsir

Impianti di scarico, raccordi, tubi: la soddisfazione di toccare con mano la produzione

0
546

La sede del CFP Zanardelli di Chiari organizza spesso uscite didattiche per i propri studenti.

Mercoledì 14 novembre, la classe 2T – indirizzo termoidraulico – si è recata nelle sedi dell’azienda Valsir di Vestone e Vobarno insieme ai propri insegnanti Pettinato e Ottelli.

Dal 1987 essa fa parte del gruppo Silmar e si occupa di sistemi per idraulica, riscaldamento a pavimento, edilizia e bagno design.

All’arrivo gli studenti sono stati accolti da Paolo Donati ed accompagnati nella sala conferenze per una lezione sugli impianti di scarico domestici. La spiegazione è stata fluida ed efficace: sono stati ben approfonditi alcuni argomenti affrontati in classe anche attraverso formule ed esercizi pratici sulla progettazione degli impianti di scarico. Inoltre, durante la mattinata, una ragazza dello staff ha mostrato diapositive sul tema della sostenibilità, un obiettivo che Valsir persegue con particolare attenzione.

Al termine della lezione, ad ogni alunno è stato consegnato un attestato di partecipazione.

Successivamente, e ovviamente con enorme piacere, la Valsir ha gentilmente offerto il pranzo: un ottimo modo di ricaricarci prima di intraprendere un vero e proprio tour in azienda iniziato con la visita alla sede principale di Vestone. Una struttura che comprende, tra le altre, cinque aule tra cui una dedicata alla formazione degli studenti e dei progettisti, completa di installazioni esemplificative dei punti chiave degli impianti realizzati con i prodotti Valsir. Poi, sempre nello stesso stabilimento, la classe ha potuto visionare i passaggi principali della produzione di cassette di risciacquamento esterne e interne, gli elementi di raccorderia, i sistemi di riscaldamento a pavimento e i sistemi di drenaggio sifonico delle acque meteoriche.

La giornata è proseguita con la visita al polo logistico-produttivo di Vobarno che comprende anche i laboratori Valsir. È stato molto interessante completare qui il percorso formativo. Infatti si è avuto modo di vedere con i propri occhi anche la produzione di alcuni altri elementi che utilizziamo nelle nostre ore di laboratorio come, per esempio, il tubo multistrato.

Insomma, per il gruppo di ragazzi della 2T si è trattato di un vero e proprio “contatto diretto” con ciò che potrà diventare il loro futuro professionale.